venerdì 31 agosto 2012

4° Tappa Sal 6 Fat Men - Lk

...ebbene si, ve lo avevo detto che avrei messo il turbo al mio ago!!! ed ecco che ho terminato la quarta tappa del Sal 6 Fat Men!!! comincio ad adorarli questi omini di neve...sono simpaticissimi gli ultimi due ricamati...e intanto penso già alla quinta tappa!!! e al fatto che devo andare a comprare qualche matassina che è arrivata letteralmente alla fine!!!

ecco le foto...anche se purtroppo la tela è un po' stropicciata...non appena termineremo tutte le tappe, allora stirerò l'intero lavoro e allora sarà ancora più bello ^_^



...tra l'altro mi sono portata avanti con la realizzazione degli uccellini e della loro casetta!!! ^_^


Che ve ne pare?!?!

Buone Crocette a tutte!

N.

martedì 28 agosto 2012

3° Tappa Sal 6 Fat Men - Lk

...finalmente ho concluso anche io la 3° Tappa del Sal sul blog di Stefania, anche se con un ritardo che non è da me...sabato sono riuscita ad andare in merceria a prendere la matassina che avevo terminato e così ieri mi sono messa di buon punto e ho finito la tappa...è davvero delizioso questo pupazzo di neve...forse il più bello tra quelli già realizzati!!! 
...e dato che c'ero, ieri sera ho iniziato anche la quarta tappa che penso di terminare oggi...mettendo un po' di turbo al mio ago, approfittando del fresco che ci sta dando un po' di tregua (forse un po' troppo, dal momento che la mia gola duole da due giorni ormai!!!)...
...sta venendo davvero un bel quadretto natalizio che naturalmente conserverò gelosamente, una volta incorniciato!!!

ecco a voi le foto...


Buone Crocette!

N.

mercoledì 22 agosto 2012

Un Bavaglino per Elisa!

...ebbene si, sono più di 15 giorni che non aggiorno il mio blogghino...non posso nemmeno usare la carta delle vacanze estive, perchè sono rimasta a casa! diciamo che un po' il caldo, un po' la pigrizia, ho portato avanti il ''Sal 6 Fat Men'' organizzato da Stefania, non riuscendo a finire la Terza Tappa per tempo...purtroppo ho finito la matassina con la quale dovevo dare gli ultimi punti!!! e così devo aspettare che riapra la merceria dalla quale mi rifornisco! 

Nel frattempo, in una sera ho realizzato questo tenero bavaglino commissionatomi dal boy, per la piccola Elisa, figlia di un collega! 

Elisa è un nome di origine ebraica, abbreviazione di Elisabetta, e significa ''Il mio Dio è perfezione'' e ''Il mio Dio è riposo''... si festeggia l'onomastico il 26 giugno!
 In Italia ci sono circa 117641 persone che portano questo nome, e quindi è il 168° nome più comune...insomma pochissime in proporzione a tutti i Francesco che ci sono in Italia! ^_^

...come sempre ho aggiunto la mia firma, la solita farfallina, anche se per un attimo ho pensato di ricamarne un'altra proprio sulla E...ma poi sappiamo, il troppo, stroppia! e così eccolo, pronto da essere donato, insieme al migliore augurio di buona vita a questa principessina che si affaccia a questo mondo! 

Adorabile!!!


Buone Crocette!

N.

lunedì 6 agosto 2012

Progressi 1°Tappa Sal ''Fata dei Sogni'' L&L

Ecco i progressi aggiornati ad oggi delle amiche di crocette!!! Piano piano abbiamo iniziato anche la Seconda Tappa...ma per i prossimi progressi dovrete attendere ancora minimo minimo un mesetto, anche se la Seconda Tappa è decisamente più veloce della prima!!!

ecco le foto, meravigliosi tripudi di ali rosa!!!!!

Nicole
Gabriella
Elena
Maria Gradita
Pierina
Anna Maria
                                                    
Emanuela

Complimenti amiche crocettine...tutte pronte per la seconda tappa ^________^

Buone Crocette!!!

N.

...una dolce domenica...

....ieri, complice un po' le nuvole che andavano e venivano, facendoci respirare un po', e complice anche il fatto che il boy aveva mele da godere, abbiamo deciso di fare torte...dico torte perchè non ci siamo limitati a farne una...ma ben due...la scusa era ''tanto il forno era già acceso!!!''...non vi descrivo l'odore che c'era in cucina, davvero delizioso...e i risultati sono stati altrettanto deliziosi e invitanti...
ecco per voi le ricette...

...la prima torta che abbiamo fatto è stata una Torta di Zucchine e Nocciole...non vi preoccupate, non ho sbagliato a scrivere...si tratta di una torta fatta con le zucchine (questo è il loro periodo e le trovate facilmente nei supermercati!!!)...la ricetta l'abbiamo ''rubata'' all'Agritur Renetta (in Trentino), dove ci siamo recati nel maggio scorso, per scegliere la nostra pianta di melo...ho regalato infatti un melo al boy in occasione del suo 28esimo compleanno, e ciò include un soggiorno di un weekend per scegliere il melo (che noi abbiamo fatto a maggio!) e un altro weekend per raccogliere i frutti del nostro albero...davvero un regalo azzeccato!!!
Tornando a noi, ringrazio la Sig.ra Luana e la Sig.ra Cristina, per aver condiviso la ricetta di questa torta davvero deliziosa, che merita davvero di essere provata...e poi gustata magari con un buonissimo bicchiere di succo di mele...semplicemente delizioso...mmmmmmmmmm....

Ingredienti:
- 225 gr di Farina di tipo 0
- 200 gr di zucchero
- 200 gr di zucchine
- 50 gr di nocciole
- 2 uova
- 1 bicchiere di olio di semi
- 1 bustina di lievito per dolci
- 1 bustina di zucchero vanigliato
- 1 pizzico di sale

per realizzarla, noi abbiamo unito le 2 uova con i 200gr di zucchero, e abbiamo mescolato, poi abbiamo aggiunto le zucchine sbucciate e tagliate alla julienne, le nocciole tritate e la farina...abbiamo nuovamente mescolato il tutto e vi abbiamo aggiunto l'olio e il lievito per dolci che era già vanigliato, quindi non abbiamo messo lo zucchero vanigliato (la vaniglia non mi piace troppo!), e poi un pizzico di sale...
Abbiamo fatto cuocere a 180° per circa 30 min...e il risultato è stato morbido e delizioso...dopo averla fatta raffreddare, spolverate con un po' di zucchero a velo...mmmmmmmmmm....provate a farla, stupirà i vostri ospiti e famigliari, che non crederanno alla presenza delle zucchine...



...la seconda torta che abbiamo fatto, è stata la Torta di Mele di Nonna Vera, usufruendo della ricetta della Benedetta Parodi (ebbene si, lo ammetto...il boy ha un certo debole!!!)...

Ingredienti:
- 3/4 mele Renetta o Golden
- 250 gr di zucchero
- 250 gr di burro
- 3 uova
- 250 gr di farina di tipo 00
- 1 bustina di lievito per dolci

...ad essere sincera abbiamo un po' modificato le quantità perchè Benedetta Parodi mette troppo burro e troppe uova...in ogni caso il risultato è stato davvero molto buono...magari riducete gli ingredienti a vostro piacimento, di sicuro sarà buonissima!!! terremo in considerazione questa ricetta per rifarla quando raccoglieremo le mele dal nostro albero a Tassullo (Trentino!)...il procedimento è davvero semplicissimo, tagliate a fette le mele, poi tenetele da parte un attimo...mettete i tuorli in una terrina, e montate gli albumi a neve...mescolate zucchero, tuorli e albumi montati, dal basso verso l'alto, delicatamente...poi aggiungete farina e lievito...mescolate finchè non diventa tutto omogeneo, senza grumi...dopodichè mettete il preparato in una tortiera e mettete sopra le fettine di mele tagliate precedentemente...infornate a 180° per più di 45 min...poi controllate con lo stuzzicadente se la torta è pronta o meno...
è davvero deliziosa!


che ve ne pare?!?! una più deliziosa dell'altra!!!
adoriamo cucinare...chissà mai che io possa creare una rubrica di cucina sul blogghino...vedremo un po'!!!

Per il momento Buon Appetito!!!
e se le rifate a casa, fatemi sapere cosa ne dicono i vostri assaggiatori ufficiali di torte!!!

N.

mercoledì 1 agosto 2012

Fai Bei Sogni - Massimo Gramellini

''Uno che cammina sulle punte dei piedi e a testa bassa perché il cielo lo spaventa, e anche la terra...''
''Fate bei sogni. Anzi, fateli insieme. Insieme valgono di più...''


Venerdì pomeriggio ho finito di leggere questo libro...parto col dirvi che adoro Massimo Gramellini, scrive benissimo ed è un uomo davvero eccezionale...l'ho seguito da Fazio, e ho letto non solo il popolarissimo ''L'ultima riga delle favole'', ma anche il saggio storico che ha scritto in collaborazione con Carlo Fruttero, una parentesi storica su questa Italia che gli italiani non conoscono abbastanza (altro libro che mi è piaciuto davvero molto!)...
...ma parliamo di questo libro...ad essere sincera dalle recensioni che avevo letto, me lo aspettavo molto diverso...un po' più simile a ''L'ultima riga delle favole''...anche se ormai ho imparato a non fidarmi tanto delle recensioni di altri lettori, pertanto fate la medesima cosa con questa...
...se lo scopo di questo libro era commuovere i lettori, devo dire che c'è riuscito pienamente...ho pianto come una stupida...anche se non appena ho iniziato a leggere i primi capitoli, devo essere sincera, volevo mollare il libro e non leggerlo più...forse perchè la sua storia è così simile a quella di uno degli uomini più importanti della mia vita...una delle cose che gli ho detto è stata ''Per favore, se mai ti dovesse capitare tra le mani, non leggere mai questo libro!''...lui non ha capito il perchè, ma a me basta averglielo detto...
...è triste...triste...e ancora una volta triste...ma alcune persone che mi conoscono potrebbero dire che ho fatto bene a leggerlo, perchè così ho capito che cosa vuol dire...che cosa vuol dire perdere la mamma nel momento in cui ne hai più bisogno...l'autore a 9 anni...il boy a 6...che cosa vuol dire crescere con un padre, che è vero che non ti ha mai fatto mancare nulla, però un papà non può fare sia il papà che la mamma...d'altronde se si dice che di mamma ce n'è una sola, non sarà certamente un caso!!! che cosa vuol dire avere l'impressione di essere abbandonato dalla persona che doveva darti più amore...che vuol dire svegliarsi di notte con gli incubi...e non trovare una spiegazione per una cosa tanto ingiusta che, volente o nolente, ti cambia la vita...ognuno reagisce a suo modo...l'autore cercava di esorcizzare ''Belfagor'', il boy cercava di crescere con chi aveva a suo fianco, con il risultato che l'intero paese ha cercato di dargli un po' di quell'affetto che non troverà mai da nessuna parte...forse, anzi di sicuro il padre del boy, è stato un padre migliore di quello dell'autore...anche se alla fine del libro, quest'ultimo si riscatta...in fondo questi papà hanno cercato di proteggere i loro figli....e poi ci sono le nonne, si perchè come dice Gramellini ''Mamma era anche figlia...'', e questo il boy lo sa bene...
...per non parlare della fatica che ha fatto l'autore ad imparare ad amare...d'altronde, l'amore vero, quello incondizionato, gli è stato privato...ed è già abbastanza difficile trovare un amore...affidarsi completamente ad un'altra persona che vive per te...come per il boy...è stata dura arrivare a stare insieme...quanto ha ragione Gramellini dicendo ''...che la paura uccide sempre l'amore...''
...scusate per questa recensione molto personale...ma se devo essere sincera, leggete questo libro, solo se non siete mai stati toccati da una perdita del genere...o se siete riusciti a superarla...io ho pianto, e come sapete solo Nicholas Sparks riusciva a farmi piangere...quindi Gramellini ha tirato fuori tutti i sentimenti che appartengono al suo IO più profondo, e tra queste righe si possono rivivere le sue esperienze, soprattutto quelle più dolorose...riflettete...abbiamo sempre troppo paura della verità..."Preferiamo ignorarla, la verità. Per non soffrire. Per non guarire. Perché altrimenti diventeremmo quello che abbiamo paura di essere: completamente vivi"


Grazie Massimo per aver condiviso la tua triste storia!!! Grazie Boy, perchè non leggerai mai questo libro!

Una rosa per mamma Giuseppina, (entrambe!), che ci hanno lasciato questi uomini così preziosi!




Buona Lettura!

N.

ci sono cose che...

...traggo spunto per questo post da un blog di un ragazzo che seguo su twitter...scrive delle cose verissime...e sinceramente quando ho letto questo post mi sono sentita un po' presa in causa...era di sicuro ciò che avevo bisogno di sentire, era la risposta alla maggior parte delle domande che mi pongo...
''Ci sono cose che non meritiamo, ed è falso quando ti dicono che meritiamo tutto quel che ci capita, che tutto quel che ci capiti ci capiti perché noi abbiamo le forze per superarlo. Non è vero niente! Certe cose non si superano, certe cose si vivono subendole, e poi passano, finiscono, ma restano. Sempre come ferite, restano. Le ferite, ne parlano come fossero tutte belle, come se a ricordarsene di una o dell’altra ci fosse piacere, ma non è sempre così. Il dolore può durare anche dopo la pelle lacerata e ricongiunta. Ciò che abbiamo giustamente meritato lo ricordiamo sorridendo. Ciò che abbiamo ingiustamente meritato lo ricordiamo sorridendo. Certe ferite sono sorrisi disillusi.''
...vorrei tanto poter fissare queste parole nella mia mente, in modo tale da essere sicura che tutto ciò che mi capita, tutta la cattiveria che mi tocca subire da parte di altre persone, l'invidia, la gelosia, i bastoni tra le ruote, e la ruota che non gira mai a mio favore, possano solo essere delle cose che passeranno, ma non sono meritate...non è assolutamente vero che meritiamo quello che ci capita...le cose capitano e si spera sempre che possano capitare un po' a turno...anche se spesso non è così...

...è un po' come quel detto '' Non fare agli altri ciò che non vorresti che fosse fatto a te''...e così ti comporti bene con il prossimo, con le persone che hai accanto, pensando che ti tratteranno con la stessa moneta...ma questo succede solo raramente!!! la maggior parte delle volte, le persone con le quali ti sei comportato bene sono le prime che ti fanno del male...non ho ancora capito perchè questo detto è valido solo al negativo...forse perchè se tutti pensassimo di fare anche del bene (o solo del bene!), l'umanità intera ne gioverebbe e noi non siamo capaci di pensare così in grande...ognuno pensa al suo piccolo orto...e basta... forse troverò una spiegazione anche a questa cosa...anche se io continuerò a comportarmi bene e continuerò ad essere pagata con il retro della medaglia...

N.